Passa ai contenuti principali

Whatsapp vietato a chi ha meno di 16 anni e vive in Europa

Dopo Facebook, ecco Whatsapp, che dal febbraio del 2014 è di proprietà del colosso di Mark Zuckerberg. Il tema è quello dell’utilizzo di Internet da parte dei minori. Il contesto è l’applicazione del nuovo Regolamento europeo per la protezione dei dati personali, applicabile dal prossimo 25 maggio. L’articolo 8 della norma comunitaria impone alle piattaforme di raccogliere il consenso dei genitori per il trattamento dei dati dei minori di 16 anni.
I singoli Stati potranno poi abbassare l’età a 13 con un’apposita legge (in Italia il decreto di adeguamento al Gdpr è stato approvato in via preliminare dal Consiglio dei ministri il 21 marzo. La palla adesso è nelle mani delle Commissioni parlamentari e del Garante). A differenza della casa madre Facebook, che ha deciso di estendere a tutto il mondo l’obbligo del consenso per il trattamento delle informazioni sensibili per i 13-15enni, Whatsapp è intervenuto innanzitutto sull’età minima per iscriversi e ha limitato la novità all'Europa: «Per usare i nostri servizi devi avere almeno 16 anni o la maggiore età richiesta nel tuo Paese (quindi se la norma italiana scende a 13, per i nostri giovani connazionali andrà bene 13, ndr)». Nel resto del mondo l’app continuerà a essere aperta a chi ha più di 13 anni. In entrambi i casi, il rispetto del limite è affidato alla buona fede dei piccoli internauti, che possono facilmente mentire, o al controllo dei loro genitori. L’applicazione fa poi riferimento alla raccolta del consenso da parte dei genitori nel caso in cui non si abbia l’età minima per accettare i termini di servizio, secondo le leggi del Paese in cui si risiede: non è chiaro cosa intenda. Probabile che si riferisca alla variazione delle condizioni che sottoporrà agli utenti già registrati, fra i quali ci sono anche under-13, fra l'altro, oltre che under-16, chiedendo l'età. Whatsapp non esplicita inoltre: • come voglia raccogliere il parere di mamma e papà, • come e se bloccherà o rimuoverà chi è già iscritto, ha meno di 16 anni e non presenta il consenso richiesto, • come verificherà l'età in fase di iscrizione. Il metodo già scelto da Facebook , dove i ragazzini non avranno che da indicare contatto sul social o un indirizzo email che potrebbero appartenere a un amico o essere stati creati ad hoc, è facilmente aggirabile. Fra le novità annunciate dall'app da 1,5 miliardi di iscritti , anche la possibilità, in questo caso in tutto il mondo, di scaricare una copia dei propri dati (anche Instagram si è appena allineata, mentre su Facebook era già previsto): non i messaggi, che sono criptati, ma la lista dei contatti, i gruppi di cui si fa parte e i numeri bloccati.
http://www.corriere.it/tecnologia/social/18_aprile_25/hai-meno-16-vivi-europa-non-puoi-piu-usare-whatsapp-d8f3184e-4863-11e8-8b32-697e76a4f827.shtml

Commenti

Post popolari in questo blog

CORSO PER DATA PROTECTION OFFICER (DPO) Responsabile della protezione dei dati (80 ORE) - Napoli - Salerno - Roma - Aversa

Il responsabile della protezione dei dati, figura obbligatoria per determinate categorie stabilite dal nuovo Regolamento Europeo della privacy 679/2016 è una persona esperta nella protezione dei dati, il cui compito è valutare e organizzare la gestione del trattamento di dati personali, e dunque la loro protezione, all'interno di un'azienda, di un ente o di una associazione, affinché questi siano trattati in modo lecito e pertinente.

Dopo la violazione dei dati Facebook «anticipa» il regolamento privacy Ue

Dopo una lunga inerzia, un’improvvisa fuga in avanti. Da oggi Facebook inizierà ad avvertire i milioni di abbonati, compresi gli oltre 200mila utenti italiani, i cui dati personali sono stati utilizzati da Cambridge Analytica per finalità non consentite. Chi ha subito un danno, dunque, ne sarà consapevole e potrà chiedere al social maggiori informazioni su come sono state gestiti propri dati. Quello di Facebook è un passaggio dovuto. Allo stesso tempo, però, anticipa un importante obbligo previsto dal nuovo regolamento europeo sulla privacy: quello sul cosiddetto data breach.