Passa ai contenuti principali

Banche dati P.a., è allarme: il garante della Privacy scrive a Gentiloni

Dopo lʼincidente alla piattaforma Sogei, con le informazioni fiscali di milioni di cittadini, Soro auspica una forte iniziativa delle istituzioni per una verifica sulla sicurezza E' "inderogabile una forte iniziativa", da parte delle istituzioni coinvolte, "per una verifica puntuale dello stato di sicurezza delle banche dati pubbliche e dei processi in corso di attuazione dell'Agenda digitale". Lo afferma il Garante per la privacy, Antonello Soro, in una lettera al presidente del Consiglio Gentiloni, dopo il recente incidente alla piattaforma Sogei, in cui sono conservati i dati fiscali di milioni di cittadini. "Nel condividere l'impegno del governo per la trasformazione digitale della pubblica amministrazione - scrive Soro al premier - ritengo doveroso sottolineare l'urgenza che tale processo avvenga in piena armonia con i principi fondamentali sulla protezione dei dati personali, ponendo rimedio alle carenze che spesso abbiamo avuto modo di riscontrare e segnalare in varie sedi". E conclude: "Soltanto attraverso un forte investimento nella materia di protezione dei dati, infatti, sarà possibile garantire che tali trasformazioni si svolgano nel pieno rispetto dei diritti dei cittadini e senza esporre in alcun modo a pregiudizio la stessa sicurezza del Paese". http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/privacy-soro-a-gentiloni-allarme-sicurezza-banche-dati-p-a-_3098561-201702a.shtml

Commenti

Post popolari in questo blog

CORSO PER DATA PROTECTION OFFICER (DPO) Responsabile della protezione dei dati (80 ORE) - Napoli - Salerno - Roma - Aversa

Il responsabile della protezione dei dati, figura obbligatoria per determinate categorie stabilite dal nuovo Regolamento Europeo della privacy 679/2016 è una persona esperta nella protezione dei dati, il cui compito è valutare e organizzare la gestione del trattamento di dati personali, e dunque la loro protezione, all'interno di un'azienda, di un ente o di una associazione, affinché questi siano trattati in modo lecito e pertinente.

Dopo la violazione dei dati Facebook «anticipa» il regolamento privacy Ue

Dopo una lunga inerzia, un’improvvisa fuga in avanti. Da oggi Facebook inizierà ad avvertire i milioni di abbonati, compresi gli oltre 200mila utenti italiani, i cui dati personali sono stati utilizzati da Cambridge Analytica per finalità non consentite. Chi ha subito un danno, dunque, ne sarà consapevole e potrà chiedere al social maggiori informazioni su come sono state gestiti propri dati. Quello di Facebook è un passaggio dovuto. Allo stesso tempo, però, anticipa un importante obbligo previsto dal nuovo regolamento europeo sulla privacy: quello sul cosiddetto data breach.

Whatsapp vietato a chi ha meno di 16 anni e vive in Europa

Dopo Facebook, ecco Whatsapp, che dal febbraio del 2014 è di proprietà del colosso di Mark Zuckerberg. Il tema è quello dell’utilizzo di Internet da parte dei minori. Il contesto è l’applicazione del nuovo Regolamento europeo per la protezione dei dati personali, applicabile dal prossimo 25 maggio. L’articolo 8 della norma comunitaria impone alle piattaforme di raccogliere il consenso dei genitori per il trattamento dei dati dei minori di 16 anni.