Passa ai contenuti principali

ORGANIGRAMMA

Presidente Onorario Europeo
Avv. Sergio Pisani

Presidente Italia
Pietro Di Scala

Vice Presidente 
Gianfranco Pirozzi


Segretario
Maria Sirigatti

Consulting
Avv. Angelo Pisani

Tesoriere 

Alessia Spasiano


Comitato Scientifico
Avv. Ennio Imperatore - Presidente
Avv. Emilio Possidente
Avv. Carlo Pirozzi
Avv. Adele Belluomo
Avv. Francesco Pages
Dott.ssa Fabiana Izzo
Dott. Laura Manganella
Dott. Pasquale Giugliano

Comitato Tecnico
Mariano Ciaravolo
Antonio Venturini
Marcello Insenga

Comitato Regionale Campania
Dott. Mariano Papandrea

Comitato Regionale Lazio
Ing. Pierluigi Brancia D'Apricena
Dott.ssa Mary Bonanni

Comitato Regionale Lombardia
Avv. Simone Forte

Comitato Regionale Sicilia

Comitato Regionale Emilia Romagna

Comitato Regionale Toscana

Comitato Regionale Veneto

Comitato Regionale Calabria

Comitato Regionale Liguria
















Commenti

Post popolari in questo blog

CORSO PER DATA PROTECTION OFFICER (DPO) Responsabile della protezione dei dati (80 ORE) - Napoli - Salerno - Roma - Aversa

Il responsabile della protezione dei dati, figura obbligatoria per determinate categorie stabilite dal nuovo Regolamento Europeo della privacy 679/2016 è una persona esperta nella protezione dei dati, il cui compito è valutare e organizzare la gestione del trattamento di dati personali, e dunque la loro protezione, all'interno di un'azienda, di un ente o di una associazione, affinché questi siano trattati in modo lecito e pertinente.

Dopo la violazione dei dati Facebook «anticipa» il regolamento privacy Ue

Dopo una lunga inerzia, un’improvvisa fuga in avanti. Da oggi Facebook inizierà ad avvertire i milioni di abbonati, compresi gli oltre 200mila utenti italiani, i cui dati personali sono stati utilizzati da Cambridge Analytica per finalità non consentite. Chi ha subito un danno, dunque, ne sarà consapevole e potrà chiedere al social maggiori informazioni su come sono state gestiti propri dati. Quello di Facebook è un passaggio dovuto. Allo stesso tempo, però, anticipa un importante obbligo previsto dal nuovo regolamento europeo sulla privacy: quello sul cosiddetto data breach.

Whatsapp vietato a chi ha meno di 16 anni e vive in Europa

Dopo Facebook, ecco Whatsapp, che dal febbraio del 2014 è di proprietà del colosso di Mark Zuckerberg. Il tema è quello dell’utilizzo di Internet da parte dei minori. Il contesto è l’applicazione del nuovo Regolamento europeo per la protezione dei dati personali, applicabile dal prossimo 25 maggio. L’articolo 8 della norma comunitaria impone alle piattaforme di raccogliere il consenso dei genitori per il trattamento dei dati dei minori di 16 anni.